Login

Come essere un fantastico raccontastorie quando tutti raccontano storie (part.2)

Raccontastorie: Brian Solis

Tradotto da Tomura

Reinterpretato da Laura Alessandrini

Progettato ed illustrato da Gapingvoid Culture Design Group

[Prima di questo articolo, leggi la puntata precedente su content strategy e come essere un fantastico raccontastorie.]

Continuiamo a parlare di content marketing, e la prima cosa che voglio dirti è questa:
l’arco di una campagna di questo tipo è opposto a quello del marketing tradizionale.

Hai mai passato del tempo a studiare il classico arco narrativo delle grandi storie? Tutte quante seguono la stessa struttura.

La storia comincia e si costruisce col protagonista che va verso i suoi obiettivi. A un certo punto nel mezzo, quando si stabilizza il tutto, c’è un climax di eventi contro l’obiettivo. Verso l’ultima parte c’è il successo o il fallimento e finalmente l’epilogo/risoluzione.
Poi vissero tutti felici e contenti (più o meno).

L’arco della campagna di marketing è praticamente l’opposto.

Budget. Creatività. Sostegno. Approvazione.

Ecco allora il lancio!

“HEY GUARDA QUI! GUARDA!!!” e allora, “Eee, abbiamo fatto…” poiché la campagna ha finito il tempo, il budget e le risorse.

Content marketing: come strutturare una storia

Quello che abbiamo appena detto è importante per ricordare che creare una storia basata su profonde radici varrà sempre più che avere una campagna di marketing senza fondamenta.

E’ importante per ricordare che creare una storia basata su profonde radici varrà sempre più che avere una campagna di marketing senza fondamenta.

No, non è un errore il fatto che tu lo veda scritto due volte. E’ che volevo essere certa di essere chiara. 🙂

Lo storyboarding aiuta i raccontastorie e le storie a nascere

Nei primi anni ’30, Walt Disney ha inventato la tecnica dello storyboarding per sviluppare il suo primo film d’animazione: Biancaneve.

Lo storyboarding ha un ruolo critico nello sviluppare, “conversazionalizzare” e ridefinire la storia, i personaggi, la credibilità complessiva, lo scopo e la risonanza. È un processo formale per avvicinare il pubblico, per sapere chi è prima di coinvolgerlo.

Le grandi strategie di content marketing si basano su delle grandi storie e le grandi storie iniziano con premura e scopi.

Airbnb ha usato il processo di storyboard per ri-immaginare il suo brand, il valore proposto e le esperienze degli ospitanti/ospiti.
Il team ha assunto Nick Sung, un artista di storyboard della Pixar (sì, proprio quella dei cartoni animati) per visualizzare i momenti inclusi in una permanenza in Airbnb dal punto di vista di chi ospita e degli ospiti.

Hanno costruito i più importanti momenti nelle loro storie.

Il processo ha portato nuove prospettive ed idee. Un nuovo Airbnb è nato… da un brand ad app e servizi atti a valorizzare storie e narrazioni e a creare una community per ospitanti ed ospiti.

Questi storyboards ora sono in bella vista nel loro quartier generale.

Il pilastro del content marketing: chi è il tuo pubblico?

Il tuo pubblico è l’eroe nel suo viaggio.

Lo storyboarding, il raccontare le storie, il coinvolgimento: tutto inizia con il cliente, che viene messo al centro.

Nel suo libro, The Hero with A Thousand Faces, Joseph Campbell ha introdotto il mono-mito più popolarmente conosciuto come “Il viaggio dell’eroe”.

Christopher Vogler l’ha adattato per Hollywood come “The twelve Stage Hero’s Journey”. Gli sceneggiatori basano gli archi narrativi dei personaggi sul nuovo “Viaggio dell’eroe” in alcuni dei più colossali film di Hollywood come Star Wars, Il Mago di Oz, Matrix ed Harry Potter.

Adatta il Viaggio dell’Eroe al tuo lavoro.

Nel tuo caso, l’eroe è il tuo cliente.

Pensa al viaggio del cliente e a come egli attraversa il suo mondo tutti i giorni.

  • Quali sfide affronta?
  • Cosa chiede?
  • Dove va per trovare le risposte e come sono queste risposte?
  • Come puoi aiutarlo a diventare un eroe nella sua storia?

Usa quelle risposte per ispirare le tue storie.

Ricorda che il pubblico controlla le sue esperienze, e queste accadono con o senza di te.

Le storie più coinvolgenti sono influenti. Lasciano un segno e incitano all’azione.

Attraverso lo storyboarding, Airbnb ha imparato cose sui bisogni individuali, sulle aspettative e sulle aspirazioni del suo pubblico (ospitanti ed ospiti).

Per arrivarci, i venditori insieme ai racconta storie non devono imparare solamente i viaggi dell’eroe dei loro clienti ma devono anche capire quello che amano, di cui hanno bisogno, cosa cercano, cosa valorizzano e come prendono decisioni.

Sei trend di clienti che ogni venditore deve conoscere

1. Il contenuto è inutile economicamente a meno che non sia progettato diversamente

2. Ogni item può e deve essere ricercato

3. Clienti connessi hanno alte aspettative (da recitare ogni sera prima di andare a letto perfavore)

4. L’impazienza ora è una virtù

5. I clienti si aspettano che il business li conosca e personalizzi il contenuto e il coinvolgimento

6. Le persone ora si aspettano una serie di passi rapidi, integrati ed intuitivi verso il loro obiettivo comune

Il content marketing per generare fiducia

Quando crei la tua strategia di content marketing, considera che devi usare le storie per intrattenere e coinvolgere… ma anche per informare e guidare le persone.

Le ricerche da mobile per “miglior spazzolino” sono cresciute del 100% negli ultimi due anni. Non finisce qui.
Ombrelli (+ 240% in 2 anni)
Tende da doccia (+ 120%)

Sia B2b che B2c, le persone cercano informazioni, conoscenze ed esperienze dei pari.

Google ha scoperto quelli che sono chiamati “micro-momenti”, quando il 90% degli utenti smartphone non sono del tutto certi dello specifico brand che vogliono comprare, mentre cercano informazioni online.

Il 73% dice che trovare informazioni utili da un business è l’attributo più importante quando scelgono un brand.

In accordo con Nielsen, l’83% dei consumatori si fida delle raccomandazioni provenienti da persone che conosce e il 66% si fida delle opinioni che gli altri consumatori postano online.

La fiducia è la valuta. La cerchiamo. La guadagniamo. La spendiamo.

Raccontare storie nei momenti e nei luoghi giusti

Quando le persone hanno delle necessità, sono aperte al “marketing” o cercano dei contenuti che le possano aiutare a compiere i passi successivi.

  • Sai cosa stanno chiedendo? Dove? Chi?
  • Sai cosa stanno trovando?
  • Il tuo brand/business è parte dei risultati? Se non è così, chi guiderà i loro prossimi passi?
  • Cosa valorizzano?
  • Cosa succede dopo?

Questi sono i momenti che contano e accadono ogni minuto di ogni giorno. E servono come i semafori ad aiutare lo sviluppo di strategie di contenut marketing proattivo, pieno di significato, con storie utili e coinvolgenti e strategie di distribuzione per raggiungerli nei momenti e nei posti che contano.

La tua ricompensa? La reciprocità.

ROI: return on innovation!

Non puoi evitare il ROI. È una cosa buona. Devi sempre misurare i KPIs che connettono i punti del business. La misurazione deve anche tracciare l’impatto fatto in merito ai ruoli e alle vite delle persone che stai provando a raggiungere. Questo significa che devi conoscere cosa muove la lancetta.

Chiediti sempre:

  1. La tua storia è ricca di significato per il tuo eroe?
  2. È d’aiuto?
  3. Fornisce valore?

Dopo di che misura le cose che contano per lui e per il tuo business passo dopo passo.

Questa è la fine, mio vecchio amico… la fine.

Vedi cosa abbiamo fatto?

Abbiamo usato questa guida per dimostrare l’arte del raccontare storie e del content marketing.

I tuoi clienti non sono venditori. Sono umani. In più sono incredibilmente connessi.

Anche loro hanno scadenze, richieste e poco tempo. Ma hanno anche dei bisogni, delle domande e avranno sempre bisogno di una guida e di aiuto.

Il raccontare storie è la nuova cosa rilevante e questa nuova cosa rilevante è il nuovo virale.
Il raccontare storie inizia con imparare l’arte e la scienza della storia e del coinvolgimento del pubblico. Non nel cominciare con i classici elenchi di marketing di contenuti digitali, sociali o mobile.

Come i clienti, anche i racconta storie sono umani come te e diventano racconta storie digitali. Tu aiuti i tuoi clienti a diventare eroi nel loro viaggio e così via, diventi anche l’eroe nel tuo viaggio di business.

La fine… oppure no.

LE GRANDI STORIE METTONO INSIEME GRANDI PERSONE.

Qual è la tua storia?

E il tuo storytelling?

Parla della tua storia direttamente a me, prenotando una sessione gratuita su Skype.

0 responses on "Come essere un fantastico raccontastorie quando tutti raccontano storie (part.2)"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tomura S.R.L.S. - C.F. e P.IVA 02611920394 - CCIAA - REA: RA - 217209 - Abbiamo base a Ravenna e a Pesaro in Italia. Privacy Policy  Cookie Policy Termini e Condizioni