Accedi

Costi fissi e variabili: tutto quello che c’è da sapere

Quando si apre un’attività, in particolare uno studio fotografico, è necessario tenere d’occhio i costi fissi e variabili, per evitare di trovarsi nei guai prima ancora di cominciare.

Costi fissi e variabili: cosa sono?

In generale, i costi possono essere suddivisi per l’appunto in fissi e variabili.

Per costi fissi intendiamo tutti quei costi che ci sono a prescindere dal fatto che si facciano uno o dieci lavori.
I costi variabili, invece, sono costi che incrementano all’aumentare del lavoro.

Ecco una bullet list di costi di cui tenere conto per uno studio fotografico:

Costi fissi

  • L’affitto dello studio
  • I costi di gestione dello stesso: spazzatura, luce, acqua, telefono, connessione internet e via dicendo
  • La cancelleria per l’ufficio
  • Le licenze dei software (editing, sistemi operativi e via dicendo)
  • Costi degli apparecchi elettronici quali laptop, stampanti, costi che si ammortizzano negli anni
  • Costi per arredamento studio fotografico: luci, fondali
  • Pubblicità
  • Workshop, corsi di aggiornamento e formazione
  • Assicurazione relativa alla persona del fotografo, per la responsabilità civile e quella relativa all’apparecchiatura fotografica
  • Commercialista

Costi variabili

  • Costi di eventuali assistenti
  • Abbonamento annuale per il POS (per i pagamenti con carta di credito)
  • Stampe, album fotografici, cartelloni, chiavette USB, CD, DVD.
  • Costi di spedizione e assicurazione della spedizione
  • Costi di trasferta (benzina, usura auto, pasti, hotel) necessari in alcuni tipi di servizi fotografici
  • Packaging finale del prodotto da consegnare al cliente
  • Metodi di pagamento
  • Diritti di copyright (di norma sono inclusi nel vostro lavoro ma in alcuni casi potreste farlo pagare a parte)
  • IVA e altre tasse

Il costo del tempo

Un altro costo di cui normalmente non si tiene conto è il costo del tempo speso lavorando, ovvero il valore che si dà al lavoro stesso di fotografo.

Ma in base a quali fattori posso decidere quanto vale il mio tempo?
Puoi stabilire il prezzo del lavoro, principalmente in base a questi fattori:

  • La complessità di realizzazione dell’immagine, sul piano tecnico od organizzativo
  • L’apporto creativo richiesto al fotografo
  • L’entità della commessa di lavoro
  • Gli anni di esperienza del professionista

Non solo: altre situazioni particolari (come un lavoro d’urgenza), possono cambiare la quotazione che ti viene richiesta.

E tu conosci i tuoi costi fissi e variabili?

Puoi condividere la tua esperienza all’interno del gruppo “Marketing per fotografi – Tomura” oppure direttamente con Tommaso, prenotando una sessione gratuita su Skype, durante la quale fare questi conti insieme.

0 Giudizi su "Costi fissi e variabili: tutto quello che c'è da sapere"

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tomura S.R.L.S. - C.F. e P.IVA 02611920394 - CCIAA - REA: RA - 217209 - Abbiamo base a Ravenna e a Pesaro in Italia.

Privacy Policy - Condizioni di utilizzo - Termini e condizioni per gli insegnanti

Diventa un insegnante