Login

Il business plan: la bussola per il tuo business

Il business plan è uno strumento fondamentale per la tua azienda, e risponde alle classiche domande che ogni imprenditore si pone quando crea o gestisce un’azienda: come trovare i capitali, come identificare i clienti, come comunicare con la clientela etc.
Questi elementi, di stampo strategico, sono il cardine per il tuo successo e per arrivare alla sostenibilità economica di ogni progetto imprenditoriale.

Ma cos’è il business plan?

È un documento che racchiude tutto il lavoro di ricerca, analisi e consapevolezza con sé stessi e tutti gli elementi che compongono il tuo progetto imprenditoriale.

Ti aiuterà a porti le domande giuste, cioè quelle che faranno la differenza tra un’azienda ben avviata e una con difficoltà. È anche un punto di riferimento per i traguardi che la tua attività dovrà raggiungere nel corso del tempo, ma anche per i rapporti che vuoi sviluppare con i tuoi clienti e i finanziatori. Il business plan racchiude i tuoi progetti, presenti e futuri, per la tua azienda. 

Perché è importante creare un business plan?

  1. Per avere dei riferimenti numerici, cioè per poter lavorare in un’ottica di previsione e consuntivo.
    Cioè per evitare di trovarsi, a fine anno, a tirare le somme del proprio business e capire se è stato o meno proficuo: un corretto business plan cambia radicalmente questa prospettiva, e ti permette di calcolare i risultati economici che vuoi raggiungere. 
  2. Per valutare l’andamento della tua azienda nel corso dell’anno, così da creare paragoni e analisi che aiuteranno a valutare le tue strategie, e gli obiettivi per muoverti in un’ottica di costante dinamismo. Questo ti permetterà di rispondere in maniera tempestiva alle esigenze del mercato, dei tuoi clienti, e di essere sempre al passo con i tempi. 
  3. Per controllare la fattibilità dei tuoi progetti. Ti sarà sicuramente già capitato di avere mille idee e progetti, per poi doverti scontrare con la fattibilità e la realtà del mercato. L’entusiasmo è essenziale, ma se non correttamente incanalato può creare caos e disordine. Il corretto utilizzo del business plan ti permette di dare forma alle tue idee, organizzare una strategia e pianificare i tuoi obiettivi pensando ai economici che desideri raggiungere.
  4. Un corretto business plan aumenta la tua credibilità come azienda nei confronti di banche, finanziatori e istituti di credito. La progettazione, nel mercato odierno, è quello che fa la differenza tra chi si improvvisa e il vero professionista.

Il business plan è uno strumento di simulazione a medio e lungo termine. Utilizzarlo ti permette di razionalizzare la tua idea imprenditoriale evidenziandone i punti di forza, le debolezze e gli elementi che non avevi considerato quando hai iniziato la tua attività.

Il business plan e le diverse fasi aziendali

La creazione del business plan varia in base alle diverse fasi dell’attività imprenditoriale, adattandosi alle diverse esigenze. È compito del business plan supportare il tuo progetto e facilitarne la gestione qualunque sia la fase aziendale in cui ti trovi.
Le fasi aziendali sono di norma quattro

La fase di startup / re-startup (crisi aziendale)
Cioè quando un’impresa mira a trasformare le sue idee e i suoi capitali in un business sostenibile. Facciamo l’esempio di una gelateria che decide di aprire un nuovo punto vendita: sarà in questa fase che cercherà i capitali. Dovrà inoltre capire se il suo prodotto sarà vendibile e apprezzato dalla sua clientela. È fondamentale calcolare quanto costerà avviare l’attività, considerare la ricerca dei capitali, quanto durerà il periodo di crescita prima di arrivare a pareggio e profitto. In fase di avvio è necessario validare sia il proprio modello di business che i propri prodotti.
Parliamo quindi di finanziamenti e validazione, elementi da tenere ben a mente quando si crea un business plan.
È importante ricordare che difficilmente in questa fase si potranno raggiungere grandi risultati (ma non è impossibile); in questo stadio si cerca di sistemare ciò che nella frase progettuale non è stato considerato.

La fase di sviluppo
La si ha quando i clienti e il mercato hanno validato il prodotto proposto, a questo punto si possono creare dei processi di lavoro standardizzati. Facendo riferimento alla gelateria, ora possiamo capire quanto gelato produrre, la capacità produttiva e di vendita. Questo servirà a raggiungere la sostenibilità economica e aumentare il margine sul prodotto.
In questa fase è importante lavorare sulle analisi, sul controllo e sui dati per capire dove e come sviluppare il tuo business e standardizzarlo.
Perché parlo di standardizzare? Perché cambiare costantemente il modo di fare business costa. È importante trovare la giusta formula che possa funzionare nel corso del tempo, così da crescere professionalmente.


La fase di crescita
È la fase in cui un imprenditore desidera aumentare la propria presenza sul mercato. Riferendoci all’esempio della gelateria, si sceglieranno maggiori gusti di gelato e nuovi punti vendita. Ricorda che la crescita deve essere calibrata sulla base dei propri obiettivi, e che crescere comporta maggiore complessità e costi, strutture organizzative più articolate, rischi ed esposizione bancaria.
È a causa di tutti questi motivi che un business plan, quando viene redatto, deve tener conto di tutte le difficoltà che comporta la crescita e porsi degli obiettivi.
Ricorda che le priorità di chi ha appena avviato un’attività, e chi è invece in una fase di crescita saranno diverse, come diverso sarà il business plan. 

Exit Strategy
È considerata l’ultima fase, ed è quella in cui si decide di concludere la propria attività. In quest’ultima fase è necessario costruire un business plan che renda possibile trovarsi, nel giro di due o tre anni, nel momento adatto ad uno switch off, a chiudere o cedere la propria azienda. Ha macro-obiettivi diversi dai tre scenari precedenti, e per questo dovrà considerare gli obblighi da adempiere per raggiungere una corretta exit strategy.

Concludendo

Il business plan non è un qualcosa che si crea e poi si abbandona, ma è uno strumento dinamico che cambia con l’azienda, e si adatta alle esigenze finanziare, di mercato e dei clienti. È fondamentale creare un business plan che rappresenti al meglio ciò che si vuole realizzare, tenendo conto della propria fase aziendale.
Il business plan non va dimenticato, ma deve essere riesaminato spesso, controllato, riletto e modificato nel momento in cui le cose in esso contenute non corrispondano più alla realtà. Il business plan deve essere visto come un riferimento e una “guida tascabile” sui passi da compiere per condurre la tua attività alla sostenibilità economica.

Vuoi capire come impostare il tuo business plan e quali vantaggi può portare alla tua attività?

Scrivici senza impegno, organizzeremo una prima consulenza preliminare e gratuita.

07/03/2021

0 responses on "Il business plan: la bussola per il tuo business"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tomura S.R.L.S. - C.F. e P.IVA 02611920394 - CCIAA - REA: RA - 217209 - Abbiamo base a Ravenna e a Pesaro in Italia. Privacy Policy  Cookie Policy Termini e Condizioni