Login

Lavorare con Instagram come fotografo: puoi, con i nostri consigli!

Si può davvero lavorare con Instagram? E soprattutto: lo può fare un fotografo professionista?

Verrebbe da pensare di sì, dato che è un social basato proprio sulla condivisione di fotografie… ma non è così semplice. Come per tutte le cose, ci vuole strategia – oltre che conoscenza dello strumento – per massimizzarne le potenzialità.

In questo articolo cerchiamo di capire l’utilizzo di Instagram per i fotografi che vogliano sfruttarlo come canale professionale.

Lavorare con Instagram: strategy first

Facciamo una premessa: con tutti i cambiamenti di algoritmo che si sono susseguiti negli anni, non è possibile dare una ricetta assoluta – una strategia che sicuramente ti porterà ad avere migliaia di followers, engagement alle stelle e sostanzialmente a lavorare con Instagram. Se stai cercando la pappa pronta, insomma, puoi smettere di leggere.

Se invece vuoi capire come sfruttare questo social a tuo vantaggio, per integrarlo nel tuo lavoro di fotografo, allora sei nel posto giusto.

Quindi, dicevamo: la strategia su Instagram (ma non solo) è il punto di partenza.

Per creare un account efficace, devi prima porti una domanda: qual è l’obiettivo che vuoi raggiungere con Instagram?
Vuoi dare vita a un account con migliaia di followers per nutrire la tua vanità o vuoi ricevere contatti di lavoro?
Vuoi lavorare con Instagram realizzando foto promozionali per brand che potrebbero contattarti o vuoi usarlo per promuovere ciò che già fai come fotografo professionista?

Una volta che hai ben chiaro l’obiettivo, puoi strutturare l’account in modo ragionato seguendo alcuni principi di base:

1. Crea un account diverso per ogni attività che svolgi

Fotografi matrimoni, eventi e food? Non usare un unico profilo in cui pubblichi tutto, ma settorializza… altrimenti rischi di confondere i follower e di non raggiungere i tuoi obiettivi.

2. Cura il feed

Agli inizi, Instagram – per fotografi o meno – era più spontaneo. Adesso, per poter crescere ed emergere, devi avere un feed che non solo racconti la tua professionalità, ma che sia anche armonioso e non noioso. Gioca sull’alternanza di soggetti, colori e forme per catturare e mantenere l’attenzione degli utenti fin dalla prima occhiata.

3. Prepara un piano editoriale

Parti fin da subito avendo pronte le immagini da postare per almeno due settimane, decidi in che sequenza pubblicarle (rispettando l’armonia del feed) e considera di condividerne una al giorno. L’orario migliore in cui farlo dipende dalla tua audience: fai qualche test inizialmente, per capire quale sia.

4. Non importa quanto la foto sia bella, ma quante persone la vedono

Ovvero: ricordati sempre che lavorare con Instagram significa usarlo come strumento di promozione, per cui devi riuscire a raggiungere la tua target audience.

5. Non trascurare gli altri

Instagram è un social – questo significa che, se vuoi emergere, devi farti conoscere e alimentare la tua rete di contatti. Considera di investire qualche ora al giorno nell’engagement su altri profili in linea col tuo, lasciando like e commenti. E non dimenticare di rispondere ai commenti che riceverai sulle tue foto!

Qualunque sia la tua strategia su Instagram, non dimenticare che si tratta sostanzialmente di una vetrina in cui devi raccontarti in modo più approfondito possibile, se vuoi lavorarci. Scegli immagini che comunichino come tu vedi ciò che fotografi – includendo dettagli, paesaggi, colori e integrando il tutto in un vero e proprio storytelling visuale.

Ovvio, però: non dimenticare di strizzare l’occhio a ciò che piace al popolo di Instagram… altrimenti rischi di restare invisibile.

Hashtag su Instagram: quali usare?

A proposito di visibilità, lo strumento che Instagram ha scelto per permettere di raggiungere un’audience ampia e interessata a ciò che fai sono proprio gli hashtag.

Croce e delizia di chi già smanetta con Instagram, sugli hashtag si è detto tutto e il contrario di tutto.
Usarne pochi, usarne 60 fregando lo strumento, scriverli nella caption o nel primo commento, hashtag bannati, hashtag per finire in popular page… tutto ciò che circonda gli hashtag è molto nebuloso, perché le strategie che li riguardano cambiano come cambia l’algoritmo: spesso, in modo improvviso e senza libretto d’istruzioni.

L’unica certezza è che gli hashtag su Instagram sono un modo per categorizzare le fotografie postate, raggruppandole in contenitori tematici.

Al di là di usarne al massimo 30 (e fin qui ci siamo), ecco alcune regole di massima da seguire nella scelta:

  • Usa hashtag in linea col contenuto dell’immagine – se fai questo, seguirai implicitamente anche un’altra regola, ovvero quella di non usare sempre gli stessi.
  • Preferisci inserire hashtag di qualità, piuttosto che in quantità: questo significa che devi fare una ricerca preventiva e che non puoi usarli a casaccio sperando di avere chissà quale successo.
  • Non usare hashtag troppo grossi, ovvero per i quali vengano condivise milioni di foto: la tua rischierebbe di perdersi nel marasma senza essere notata.
  • Inserisci qualche hashtag di account autorevoli e in linea coi tuoi contenuti: se ti riposteranno, raggiungerai un’audience ampia e sicuramente interessata!
  • Non dimenticarti di sperimentare: l’algoritmo cambia continuamente e la ricerca degli hashtag “perfetti” non finisce mai. Testa, osserva i risultati, aggiusta e ricomincia!

Il ruolo delle storie su Instagram

Instagram è nato come il social delle fotografie, è vero, ma ormai sappiamo tutti che i video sono imprescindibili. Tant’è che sono stati introdotti anche lì, sottoforma di storie e poi addirittura di IG TV.

Come puoi integrare le storie di Instagram all’interno della tua strategia? Beh, sicuramente non postando video di te che dai da mangiare al cane o che vai al supermercato – soprattutto se il tuo feed è pieno di paesaggi esotici che fanno sognare.

“Ma tanto le storie di Instagram spariscono dopo 24 ore, che sarà mai!”, dirai tu. Chi se ne importa se durano solo 1 giorno, rispondiamo noi: i contenuti che condividi devono essere coerenti col tuo brand, a prescindere.

Se vuoi lavorare con Instagram, via libera alle storie in linea con ciò che pubblichi nel feed. Considerale uno strumento utile per integrare il racconto che fai con le tue fotografie e per raccontare ulteriori sfumature del tuo brand.

Instagram per i fotografi rappresenta sicuramente un’opportunità, se ben utilizzato. Per essere certo di conoscerne tutti i segreti, approfondisci col nostro videocorso Instagram Go!

0 responses on "Lavorare con Instagram come fotografo: puoi, con i nostri consigli!"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tomura S.R.L.S. - C.F. e P.IVA 02611920394 - CCIAA - REA: RA - 217209 - Abbiamo base a Ravenna e a Pesaro in Italia.

Privacy Policy  Cookie Policy Termini e Condizioni