Login

Social network business: quanti presidiarne?

Uno dei fenomeni che definiscono i tempi attuali rimodellando la realtà come la conoscevamo è l’accessibilità in tutto il mondo a Internet.

Il re del World Wide Web è ormai il social media, che si presenta in molte forme, compresi blog, forum, reti aziendali, piattaforme di condivisione di foto, social gaming, microblog, app di chat e chi più ne ha più ne metta.

Non sono solo passatempi: i social network “business” esistono, eccome. O meglio, puoi usare in chiave “business” i social network esistenti.
Capiamo insieme come… ma prima: le basi.

Quanti sono i social network nel cosmo?

Nonostante Facebook – il più corposo social network – abbia ammesso un calo del numero dei propri utenti (sceso in Nord America di 1 milione di utenti attivi al giorno) il fenomeno del social media non è decisamente una meteora.

Wikipedia ce ne segnala 206 , dai social network “business” creati prettamente per docenti e ricercatori che aiutano a far conoscere il proprio lavoro condividendo le pubblicazioni scientifiche a quelli nati per chi vuole giocare online.

Diamo un pò di numeri

Il potere del social networking è tale che il numero di utenti attivi di tutto il mondo raggiungerà circa 3,02 miliardi entro il 2021, circa un terzo dell’intera popolazione della Terra.

Si stima che 750 milioni di questi utenti nel 2022 dovrebbero provenire dalla sola Cina e circa un terzo di un miliardo dall’India.

La regione con il più alto tasso di penetrazione dei social network è il Nord America, dove circa il 70% della popolazione ha almeno un account social.

A partire dal 2017, l’81% della popolazione degli Stati Uniti aveva un profilo di social networking.

Ho scovato per te un sito mooolto carino con un pò di statistiche interessanti per gli amanti dei grafici. Si chiama Statista e a questo link ho fatto una ricerca per scovare dati freschi sui social –> https://www.statista.com/topics/1164/social-networks/

Quanti social network business mi servono?

Nella tua attività devi tenere conto che non potrai passare tutto il giorno ad alimentare la rete dei social network perchè – notizia terribile, lo so – devi anche lavorare.

Se il tuo modello di business (che cos’è un modello di business?) li contempla come canale per raggiungere il tuo cliente e se la tua strategia prevede un’attività di questo tipo… allora è tempo di scegliere quanti e quali social network abitare.

[Per inciso: se non ricordi perchè hai bisogno di una strategia nel tuo business è il caso di rileggerti il nostro articolo dedicato.]

Iniziamo subito con qualche regola del gioco. Il tuo gioco.

Aprire 20 Social Network business differenti per pubblicare ovunque gli stessi identici contenuti è piuttosto inutile. So di darti una grande delusione, ma non sei il Presidente degli Stati Uniti, quindi – ahimè – non ha davvero senso parlare a reti unificate.

Il tuo lettore è multicanale, arcaica parola che ricorda che ti legge su Instagram e poi, mentre è in bagno, anche su Facebook.

“Allora chiudo tutto e vado a raccogliere margherite?”, mi dici tu.

Nonostante l’amore che nutro per la natura, no. Non te lo consiglio.
I social network per il business hanno un potere salvifico e divulgativo enorme. Vanno solo utilizzati al netto di frustrazioni e mode del momento.

Come scegliere i social network per il tuo business

Come prima cosa, ricorda di non smettere mai di analizzare il tuo utente. Che cambia, si evolve, muta abitudini. Ascoltarlo e dargli contenuti dedicati è un’ottima strada per uscire dal default della reach organica che si abbassa.

Seconda cosa: adoro l’anarchia, ma a volte non serve. Tieni a mente questo paio di regole semplicissime:

  1. I video oggi funzionano tanto. Ed è importante mantenere alta l’attenzione sulle tipologie di contenuti che funzionano e coinvolgono meglio.
  2. Mira al tuo target indirizzando i tuoi post e mostrandoli solo ad alcuni segmenti di fan, per incrementare l’engagement. Come farlo? Usando lo strumento presente in ogni post Facebook per la targetizzazione geografica, per età, per interessi e per genere.

Insomma, sostanzialmente… pastrocchia, ma poi scegli.

Certo, è legittimo conoscere, sperimentare, giocare con un nuovo social network per il tuo business, ma poi comprendine le potenzialità a seconda del tuo obiettivo e scaglia la freccia nel punto giusto.

Probabilmente, se il tuo goal è quello di fare servizi fotografici di matrimonio in Russia, Facebook non è il luogo giusto in cui spingere i tuoi contenuti. Mai dato un’occhiata a VK?

Oppure, se vuoi cercare famiglie giovani per promuovere la tua attività di family photographer, magari ha senso creare dei contenuti ad hoc.

O ancora se lavori (o vuoi lavorare) con le aziende è il caso di valutare cosa Linkedin può offrirti e puntare sul tuo personal branding.

Ricordando che la giornata è fatta di 24 ore, che hai una vita e che devi lavorare (si, l’ho già detto ma è bene ripeterlo).

E tu, quanti social network “business” usi?

Se ti va di parlarmi della tua strategia sui social network o vuoi un consiglio su come ottimizzarli, puoi condividere la tua esperienza all’interno del gruppo “Marketing per fotografi – Tomura” .
Oppure puoi parlarne direttamente insieme a me, prenotando una sessione gratuita su Skype, durante la quale potremo fare qualche ragionamento insieme. Ti aspetto lì!

0 responses on "Social network business: quanti presidiarne?"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tomura S.R.L.S. - C.F. e P.IVA 02611920394 - CCIAA - REA: RA - 217209 - Abbiamo base a Ravenna e a Pesaro in Italia. Privacy Policy - Condizioni di utilizzo - Termini e condizioni per gli insegnanti