Login

Tre consigli per uno storytelling efficace

Siamo letteralmente e continuamente sommersi dallo storytelling.

Il nostro orecchio non può escludere l’audio. Se siamo a casa, al lavoro, a fare colazione, intorno a noi c’è sempre una storia, un racconto. Qualcuno che narra un avvenimento. Raccontare è il metodo essenziale per condividere qualcosa con gli altri.

Lo stesso vale – oggi – per le aziende. Un brand deve raccontare una storia. (Ne parliamo spesso sul nostro blog, lo conosci?)

Voglio condividere con voi 3 consigli essenziali su come fare storytelling al meglio:

#1: Usa un linguaggio semplice

Ricordi come parlavi a 12 anni? Potrebbe essere un tuffo nel passato, ma è quello di cui hai bisogno. No, non sto scherzando. Il tuo pubblico ha bisogno di ricevere un messaggio chiaro e non confuso. Deve poterlo decodificare e attribuirgli un senso. Cerca di essere conciso e semplice.

Se stai scrivendo, le tue frasi dovrebbero essere di 20 parole o anche meno. Se riuscirai a mantenere breve il tuo testo allora il tuo lettore riuscirà a seguire la tua logica più agevolmente. Evita le frasi infinite e le frasi passive: allenati come se fossi al discorso per il tuo premio Nobel o come se stessi spiegando alla nonna il tuo concetto.

So che non è sempre possibile, ma provaci.

Azione: esercitati a scrivere saggi o e-mail nella lingua più semplice possibile con frasi di 20 parole o meno.

#2: Scegli un mezzo pertinente

The medium is the message, diceva il mio personale mito Marshall McLuhan. “Il medium è il messaggio”, un reminder piuttosto importante che ci ricorda che ogni media va studiato in base all’architettura con cui organizziamo la comunicazione.

Lo storytelling cambia anche a seconda del mezzo che usi per farlo, quindi studia il linguaggio del mezzo che scegli e cerca di rispettare l’universo di regole che gli appartiene.

Un esempio? Lo storytelling tramite video.

Ne siamo letteralmente invasi. Sia chiaro: in questo momento il media video funziona. Amato dai social tanto da costare notevolmente meno nelle adv rispetto ad un testo e usato dalla maggior parte delle persone che vogliono creare contenuti utili.

Ma – domando – siamo certi di avere sempre delle tematiche interessanti da inserirci?

Se sì, perfetto. La case history di Marco Montemagno, ad esempio, è davvero un successo. E’ bravo, ha una cultura immensa e la spiega bene. Altri invece lo fanno meno bene.

Torniamo al punto: blog, articoli, infografiche, stories, ecc. I modi che scegli per fare storytelling sono importanti e meritano di essere miscelati con la logica migliore che hai. Il motivo è semplice: il tuo messaggio deve essere replicabile, autentico e comprensibile allo stesso tempo.

Azione: usa un supporto che non hai mai usato prima e crea una storia. Ricorda, potrebbe essere necessario replicare questo messaggio su diversi media e canali, quindi pensa a qualcosa che possa essere multicanale.

#3: Definisci un messaggio e un’emozione

Prima di fare storytelling però, devi farti delle domande importanti.

Cosa voglio ottenere dai miei follower? Cosa voglio ottenere dalla mia campagna adv? Cosa voglio trasmettere con il mio messaggio e cosa realmente può essere percepito dalle mie parole?

Definire un messaggio e una reason why è davvero fondamentale per il tuo business, per il tuo brand e quindi anche per il tuo storytelling. E diciamocelo: ricevere like dai colleghi è solo una palestra per l’ego, non ha alcuna utilità, quindi non rivolgerti a loro, ma al tuo pubblico ideale.

Tu colpisci se e solo se riesci a comunicare un messaggio che sia rilevante per le persone che ti seguono. Ad esempio, potresti desiderare che i tuoi follower si sentano sollevati sapendo che stanno usando i tuoi servizi o vuoi farli entrare nel tuo universo valoriale per fare in modo che si sentano affini a te.

Azione: definisci quale emozione desideri suscitare e decidi il messaggio più opportuno per ottenerlo.

Per ora questo è quanto, dal fronte storytelling. Come vedi ti ho lasciato alcuni spunti di riflessione… e di azione. Mi piacerebbe sapere come andranno le tue esercitazioni!

Ti aspetto nei commenti, oppure – se vuoi andare un po’ più in profondità – puoi prenotare una prima consulenza gratuita in cui cercheremo di strutturare il tuo storytelling efficace.

27/08/2020

0 responses on "Tre consigli per uno storytelling efficace"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tomura S.R.L.S. - C.F. e P.IVA 02611920394 - CCIAA - REA: RA - 217209 - Abbiamo base a Ravenna e a Pesaro in Italia. Privacy Policy  Cookie Policy Termini e Condizioni